Web-index, la Svezia è al primo posto – L’Italia al 23esimo tra Messico e Brasile

Secondo Tim Berners-Lee, fondatore della Rete, «gli italiani non puntano automaticamente sul web»

Il virtuale può migliorare il reale? Secondo la World Wide Web Foundation non solo è possibile, ma anche misurabile: la fondazione (diretta dal creatore del web Tim Berners-Lee) ha stilato la prima classifica basata sul web-index. Indice calcolato, appunto, misurando come cresce e si evolve l’utilità (e l’impatto) di internet su 61 Paesi in tutto il mondo. E quindi come, grazie al web, si possa migliorare la qualità della vita, ridurre i conflitti, perfezionare la governance nei singoli paesi.

La Classifica – Al primo posto, a sorpresa, si piazza la Svezia. Seguono Usa e Gran Bretagna, poi Canada e Finlandia. I paesi occidentali dominano la top 20 con una sola eccezione: l’Italia, che scivola al 23esimo posto, tra Messico e Brasile. A spiegare il brutto score ci pensa Tim Berners-Lee, che presentando la classifica spiega che «gli italiani non puntano automaticamente sul web».  La Cina, ben nota per la restrizioni operate sul web, finisce 29esima, a sei gradini di distanza dall’Italia. Una sorpresa anche questa ma, censure a parte, per il Paese è stata determinante l’apertura della rete: «Per noi è importante il fatto che il web sia facilmente accessibile per le persone», spiega Berners-Lee. Due posti sotto la Cina compare la Russia – che arriva solo 31esima, mentre il Kazakistan, inaspettatamente, si piazza 28esimo grazie ai miglioramenti significativi messi in atto negli ultimi cinque anni.

I “peggiori” – Se i paesi dell’Occidente si aggiudicano i primi posti della classifica, la maglia nera spetta a quelli africani. Nella top ten dei peggiori troviamo infatti Zimbabwe, Burkina Faso, Benin, Etiopia, Namibia, Mali e Camerun. Mentre i Paesi della Primavera Araba ottengono migliori risultati: la Tunisia è 30esima, l’Egitto 39esimo.  Il Medio Oriente, invece, si conferma zona di contraddizioni anche osservato attraverso il web: se Israele si aggiudica il 15esimo posto, il 61esimo e ultimo posto spetta allo Yemen.

[fonte corriere.it del 6 settembre 2012]


Questo post è stato inserito
giovedì 6 settembre, 2012 alle 17:13 e appartiene alla categoria Economia, Internet, Tecnologia.
Puoi seguire le risposte con RSS 2.0.

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento





www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *