Google+ sorpasserà Facebook?

È il social network che cresce di più, ma anche quello di cui si parla meno.

Eppure, molto presto bisognerà fare i conti con la crescita in sordina di Google Plus, il social di Big G che continua la sua ascesa a ritmo incessante. A confermarlo è uno studio commissionato dalla società Janrain e ripreso da Venture Beat. Secondo la ricerca, Google Plus è utilizzato dal 34% degli utenti che si autenticano sui siti che visitano, secondo solo al 46% totalizzato da Facebook tra coloro che effettuano il login adoperando un social network. E l’attendibilità dello studio è provata dal campo d’attività presidiato da Janrain, che offre a società e sviluppatori strumenti che permettano agli utenti di autenticarsi sui loro siti, attraverso i social network.

Eppure, monitorando proprio l’attività degli utenti attraverso i tool realizzati da Janrain per gli sviluppatori, ciò cui forse lo studio dà poco risalto è la flessione, seppur minima, che proprio Google Plus ha registrato rispetto all’inizio del periodo al centro dell’analisi. Dal primo grafico riportato anche su Venture Beat emerge il sostanziale consolidamento del social di Big G al secondo posto dietro Facebook, ma anche una leggera flessione registrata proprio da Google Plus nell’arco dei quattro anni oggetto del monitoraggio, se si confrontano i dati del secondo trimestre di quest’anno con quelli del quarto del 2009.

Resta, però, un dato di fatto: Google+ ha surclassato, in termini di utilizzo per i login, social network storici, e tool nati ben prima. Un esempio su tutti è rappresentato da Twitter, molto chiacchierato sul web, eppure fermo al 6% tra i login degli utenti con i social, superato anche da Yahoo al 7%.

Ma il ruolo di competitor diretto e sempre più agguerrito di Facebook, viene assegnato a Google+ anche dai risultati di una ricerca condotta da GlobalWebIndex, e relativa al solo numero degli utenti iscritti ai social network. Se, infatti, Facebook svetta tra tutti dall’alto del miliardo di iscritti (e 700 milioni di utenti effettivamente attivi), sorprendentemente è Google Plus a inseguirlo al secondo posto con 500 milioni di iscritti, di cui 343 milioni attivi, mentre Twitter e YouTube seguono entrambi a quota 300 milioni circa di utenti attivi. E per fare un altro paragone, dati più recenti di quelli di GlobalWebIndex fermi al dicembre scorso, hanno mostrato anche come LinkedIn, comunque, conti su circa 225 milioni di iscritti al mondo (5.5 milioni in Italia), secondo una ricerca di LinkHumans.

Leggendo i dati relativi alle condivisioni degli utenti, invece, già oggi si registra addirittura il sorpasso di Google+ sul social network di San Francisco. In entrambi i casi crescono le condivisioni di materiale (link, foto, video) da parte degli utenti sui due social network, ma se Facebook totalizza un più 10%, Google Plus cresce quasi del doppio al 19%, secondo i dati raccolti il mese scorso da Searchmetrics. E di questo passo, secondo i dati della società americana, i «+1» necessari per postare un contenuto su Google Plus supereranno nel maggio 2016 i «condividi» o «mi piace» che gli utenti utilizzano per aggiornare il profilo Facebook.

Insomma, tenendo conto delle diverse modalità di utilizzo e delle conseguenti abitudini degli utenti, i due social più diffusi presentano diversi livelli di engagement degli utenti. Mentre su Facebook, probabilmente, gli utenti trascorrono complessivamente più tempo, gli iscritti di Google Plus lo utilizzano per condividere  e «riportare» dall’esterno più informazioni all’interno del social di Big G. La logica conclusione di Venture Beat? «Comunque si guardino i dati, G+ si trova sorprendentemente al secondo posto, e potrebbe raggiungere la vetta nel giro di qualche anno. Eppure, se solo si trovasse qualcuno per un hangout (videochiamata di gruppo, ndr) su Google+»: il social network di cui meno se ne parla, più cresce.

[articolo di Nicola di Turi per corriere.it]


Questo post è stato inserito
martedì 16 luglio, 2013 alle 13:01 e appartiene alla categoria Internet, Seo & Sem, Social Networks.

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *