La storia e la triade dell’opacità

…” La storia è opaca. Si vedono i risultati, ma non il copione che produce gli eventi, il generatore della storia. Nella nostra comprensione degli eventi vi è un’incompletezza sostanziale, poiché non sappiamo cosa ci sia dentro la scatola, come funziona il meccanismo…

… Quando la mente umana entra in contatto con la storia soffre di tre disturbi, ossia di quella che chiamo «triade dell’opacità».

I disturbi sono i seguenti:

  1. l’illusione di comprensione, ossia il fatto che ognuno di noi crede di sapere come stanno le cose in un mondo che è molto più complicato (o casuale) di quello che pensiamo;
  2. la distorsione retrospettiva, ossia il fatto che possiamo valutare le cose solo dopo che sono avvenute, come se vedessimo in uno specchietto retrovisore (la storia sembra più chiara e organizzata nei libri di storia che nella realtà empirica);
  3. la sopravvalutazione delle informazioni fattuali e l’handicap delle persone autorevoli e colte, in particolare quando creano categorie, quando «platonizzano».”…

[estratto dal libro Il cigno nero di Nassim Nicholas Taleb]

it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *